ROAD TO ROME 2021


Le avventure estive del Gruppo Civitas Romae del Corpo Italiano di San Lazzaro non potevano trovare migliore epilogo!

I nostri volontari hanno avuto il piacere e l’onore di accompagnare per alcuni tratti del Lazio il pregevole evento creato in occasione del ventennale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) denominato “Road to Rome 2021”. Oltre tremila chilometri di cammino tra Canterbury e Santa Maria di Leuca, passando per Roma ed il Vaticano, hanno visto alternarsi protagonisti da tutta Europa e la partecipazione di centinaia di associazioni, enti e amministrazioni comunali.



Leggiamo dal sito dell’AEVF: “La marcia, organizzata da AEVF insieme alla propria rete di partner e amici, è rivolta a tutti coloro che amano il cammino e su di esso vivono e operano. Siamo partiti il 16 giugno 2021 da Canterbury, km 0 della Francigena, e abbiamo raggiunto Roma il 10 settembre 2021… ma l’avventura non finisce qui! Insieme arriveremo a Santa Maria di Leuca, Puglia, il 18 ottobre 2021.

Con questo evento, AEVF si propone di promuovere la ripartenza post-pandemia del turismo sostenibile, culturale e responsabile lungo i cammini, nonché di supportare il prestigioso obiettivo della candidatura della Via Francigena a Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO”.


Il CSLI Civitas Romae, specializzato nella tutela degli itinerari storici e paesaggistici pur occupandosi prevalentemente di sentieristica ed aree di interesse storico- archeologico, da anni ha inserito tra i propri servizi operativi il percorso della Via Francigena, riconoscendogli il più alto esempio di compromesso tra storia, archeologia, paesaggio e spiritualità.


I nostri operatori volontari, percorrono i tratti (prevalentemente laziali) insistenti nei comuni o nei parchi dove sussista una convenzione, monitorando costantemente lo stato della sede stradale, le criticità ed la presenza di illeciti ambientali; inoltre offriamo assistenza a pellegrini e camminatori sia per l’orientamento che per le forme basilari di soccorso, come la fornitura di acqua durante i mesi più caldi, il servizio di monitoraggio radio-telefonico e (a cura degli operatori abilitati) gli scongiurabili interventi di primo soccorso.


Il nostro ente non nasce al servizio della Via Francigena ma dopo le esperienze nelle quali siamo stati chiamati ad assistere eccezionali pellegrini vittime di disabilità, abbiamo deciso come tutta l’esperienza acquisita sui sentieri impervi delle nostre colline ed il modello stesso di soccorso, potessero essere applicate anche al servizio dei fruitori di questo sacro percorso” - ha commentato il Capogruppo Assumma – “ L’aver avuto l’opportunità di avvicinare e conoscere le donne e gli uomini che da vent’anni curano la politica e la promozione della Via Francigena per tutto il suo tracciato europeo è stata fonte di emozione e di scambio di idee”.

Durante il percorso nel Nord del Lazio, abbiamo infatti incontrato il Presidente dell’AEVF, Massimo Tedeschi e nuovi amici tra i quali Myra Stals (già conosciuta in occasione della manifestazione “Plastic Free”), Luca Faravelli e Marika Massotti a loro volta accompagnati da volti noti nello scenario dei cammini laziali come Silvio Marino (Regione Lazio) e Alessandra Croci (Ass. Via Francigena in Tuscia).



L’esperienza del CSLI Roma, iniziato sotto alla “Porta del Lazio” nel comune di Proceno, dopo l'ottima accoglienza da parte del Comune di Formello, si è conclusa sulla piana di “Campetti” nello stupendo scenario del Parco di Veio dove l’associazione “Valorizziamo Veio” ha accolto i camminatori alla volta della Capitale.

Il CSLI Civitas Romae ringrazia le proprie squadre intervenute per il prestigioso l'evento: il "Nucleo ATV Proceno", guidato da Marco Nutarelli, il "Nucleo MTB Vetralla" condotto da Renzo Ferri ed il "Nucleo Operativo Veio", diretto da Marco De Carli.